Moda

Design, sfilate, tendenze e shopping per tutti gli amanti della moda.

Musica

La sezione per la musica italiana e internazionale. News, nuovi album, concerti, interviste e approfondimenti

Società

Uno spazio dedicato agli approfondimenti e alle notizie di attualità.

Web e Tecnologie

Social network, web, tecnologie e cybertendenze per tutti gli appassionati della rete.

Home » Comune di Roma

1810… e la Colombia è libera!

Scritto da on mercoledì, 20 luglio 2011No Comment

Ancora una volta, il Parco Rosati ha aperto le sue porte ad un evento unico: 201 anni dell’Indipendenza colombiana.
Il diciassette luglio, uno dei punti più noti dell’Eur, ha voluto onorare questo Paese mediante una festa, la quale è proseguita nel locale all’aperto di fronte, fino a notte fonda.

I popoli dell’America meridionale, non sono stati sempre indipendenti, anzi hanno visto, sul loro territorio, guerre civili, scontri ma soprattutto la dominazione spagnola. Infatti il Venezuela, il Perù, l’Ecuador, la Bolivia e la Colombia sono stati tutti Paesi costretti alla schiavitù europea.
La colonizzazione delle terre di questa Nazione, ha avuto inizio nel 1492 ed è terminata con l’indipendenza del comune di Boyacà, sigillando così la vittoria definitiva.
Era il 20 luglio 1810 e per la Colombia nasceva una nuova storia.

La festa, però non era rivolta soltanto alla popolazione colombiana presente nella nostra città, ma anche a tutti coloro che hanno voluto trascorrere una serata a ritmo di balli tipici latino americani.
Il palco ricco di luci ed amplificatori, sul quale si sono esibiti gruppi con la musica nelle vene, ha contribuito ad omaggiare questa importante ricorrenza. Tutti sono stati contagiati dal ritmo della musica caraibica.
Erano presenti anche stand gastronomici, con cibi tipici del loro territorio.
Il Tamal, piatto con carne di maiale, pollo e mucca insieme alla Lechona, riso con crosta di maiale, formano i caratteristici prodotti colombiani.
Questo anniversario ha suscitato il forte richiamo di una vera e propria comunità, ed inoltre ha contribuito ad alimentare un fenomeno di tipo socio – culturale.
Le diverse lingue, tradizioni, colore di pelle dovrebbero essere oggetto di scambio tra i popoli e favorire una più naturale condivisione dei propri stili di vita.

di Manuela Giambuzzi

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.

Warning: exec(): Cannot execute a blank command in /web/htdocs/www.eurtorrinolive.it/home/wp-content/themes/arthemia-premium/footer.php on line 1