Moda

Design, sfilate, tendenze e shopping per tutti gli amanti della moda.

Musica

La sezione per la musica italiana e internazionale. News, nuovi album, concerti, interviste e approfondimenti

Società

Uno spazio dedicato agli approfondimenti e alle notizie di attualità.

Web e Tecnologie

Social network, web, tecnologie e cybertendenze per tutti gli appassionati della rete.

Home » Attualità, Comune di Roma, Cronaca, Regione Lazio

Giovanni Blandino: ricerca, tumore e cellule tumorali mutanti

Scritto da on domenica, 24 giugno 2018No Comment

giovanni-blandinoLa redazione di Media Live, riprende il percorso lasciato per qualche tempo sulla ricerca scientifica ,in particolare la ricerca sul cancro.  Crediamo, credo, sia opportuno rendere un servizio di informazione ai cittadini per conoscere ad oggi come  difendersi dalle malattie e in particolare dal tumore e quali passi avanti sono stati compiuti. Per questo abbiamo incontrato il dottor Giovanni Blandino, coordinatore del laboratori di oncogenomica traslazionale presso  L’IFO.

Dottor Blandino la ricerca scientifica ha trovato soluzioni al problema cancro?

Negli ultimi anni la ricerca si è soffermata nell’interpretare il genoma della cellula tumorale, capire come una cellula sana possa evolvere in cellula tumorale, determinare il meccanismo, le cause ed eventuali punti deboli della cellula neoplastica per aggredirla con molecole farmacologiche. Proprio per questo si sono creati consorzi internazionali con l’obiettivo di caratterizzare il genoma e suddividerlo in gruppi e trovare  farmaci  e molecole target. Tale strada ha portato alla creazione di farmaci chemioterapici specifici con risultati inizialmente incoraggianti. Purtroppo la cellula neoplastica si è scoperta mutante e resistente al farmaco per applicazioni successive. Quindi ci si è trovati di fronte ad un’evoluzione della cellula tumorale inaspettata, mutante e resistente al farmaco, una sorta di “cellula intelligente”. La ricerca nei prossimi anni dovrà concentrarsi sul genoma della cellula mutante, capire come mai diventa resistente e successivamente definire molecole in grado di distruggere la cellula tumorale. Per questo bisognerà identificare paziente per paziente la neoplasia e personalizzare la cura e la somministrazione del farmaco“.

 

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.

Warning: exec(): Cannot execute a blank command in /web/htdocs/www.eurtorrinolive.it/home/wp-content/themes/arthemia-premium/footer.php on line 1