Moda

Design, sfilate, tendenze e shopping per tutti gli amanti della moda.

Musica

La sezione per la musica italiana e internazionale. News, nuovi album, concerti, interviste e approfondimenti

Società

Uno spazio dedicato agli approfondimenti e alle notizie di attualità.

Web e Tecnologie

Social network, web, tecnologie e cybertendenze per tutti gli appassionati della rete.

Home » Cultura

I Giochi Colorati di Alexander Calder al Palazzo delle Esposizioni

Scritto da on giovedì, 21 gennaio 2010No Comment

In mostra a Roma ancora per poche settimane, fino al prossimo 15 Febbraio, i lavori dello scultore americano Alexander Calder ( 1898 – 1976 ). Il Palazzo delle Esposizioni , infatti, ospita per la prima volta già dal 23 Ottobre una retrospettiva dedicata all’artista, considerato uno degli innovatori della scultura del ventesimo secolo.  Fra le sue creazioni più note i così detti Mobiles, filiformi strutture metalliche vivacemente colorate, spesso appese al soffitto per mezzo di sottilissimi fili, espediente attraverso il quale Calder introduce nell’opera il tema del movimento e del rapporto con l’ambiente nel quale essa è inserita; un movimento non più soltanto evocato o suggerito, ma reale: l’opera stessa, infatti, per effetto degli spostamenti d’aria, si muove leggera nello spazio, interagendo con esso.                                                                                                                                                                                                  In antitetica corrispondenza ai Mobiles, gli Stables, gigantesche costruzioni impiantate a terra e tenute insieme da bulloni ed elementi di ferro, destinate ad ambienti all’aperto: piazze, giardini pubblici, etc. di cui vengono presentati in mostra i modelli in scala ridotta, nonché riproduzioni fotografiche. Interessanti le rappresentazioni dell’intervento di Calder nella Piazza della Stazione di Spoleto, per la quale ha realizzato il monumentale Teodelapio.   Un percorso affascinante, quello proposto dall’esposizione, che offre un itinerario fra colori e forme fantasiose che rivelano suggestioni surrealiste, e materiali legati alla modernità, quali tondini metallici, placchette e fili di ferro, elementi che rimandano alla prima formazione dell’artista nel campo dell’ingegneria.

 

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.

Warning: exec(): Cannot execute a blank command in /web/htdocs/www.eurtorrinolive.it/home/wp-content/themes/arthemia-premium/footer.php on line 1