Cinema

Viaggio nel mondo delle nuove proposte e soprattutto di chi ha reso il cinema immortale

Cultura e Libri

Cultura, libri, idee, creatività. Recensioni di libri , interviste, commenti.

Media e Social

Social network, web, tecnologie e cybertendenze per tutti gli appassionati della rete.

Nuove Tecnologie

Le nuove tecnologie cambiano la nostra vita, nello studio, negli acquisti, nel modo in cui ci rapportiamo.

Salute e Benessere

Recensioni, consigli, approfondimenti su salute e benessere: interviste, recensioni, consigli

Home » Società

Altro che pizza e spaghetti, il sapore tricolore è Mcdonald’s

Scritto da on venerdì, 29 Gennaio 2010No Comment

il Ministro Zaia e l'AD Mcdonald's Italia nel punto vendita di Piazza di Spagna

Dopo il panino tipicamente ciociaro, costituito da pane, insalata e cotoletta alla milanese, destinato tuttavia solo al mercato italiano, ora McDonald’s con il patrocinio del Ministero delle politiche agricole, propone di far sbarcare sul mercato internazionale, un panino dall’immagine (ma dal dubbio gusto) tricolore. Italiano, come molti fanno notare, sin dal nome: McItaly.

Tutti ottimi prodotti in teoria, il panino si costituisce come un agglomerato di sapori regionali: oltre alla carne bovina 100% italiana, si spazia dal parmigiano reggiano, ai carciofi alla romana, dalle cipolle di Tropea, all’ Asiago Dop, dalla bresaola della Valtellina Igp, alla pancetta della Val Venosta, per finire con le arance di Sicilia nel dessert, tutto condito, ovviamente, con dell’ottimo olio extra vergine d’oliva.

“Una politica per promuovere”- secondo il ministro Zaia – “il sapore culturale italiano e istituire una memoria gustativa di impronta italiana”. Il risvolto è tuttavia, come sempre economico: la produzione del McItaly porterà un movimento, in un mese, di circa mille di tonnellate di prodotti italiani, per un controvalore economico di circa 3,5 miliardi di Euro. E se, fiero del nuovo panino in produzione, il ministro Zaia si lascia fotografare mentre felice addenta la novella prelibatezza insieme all’amministratore delegato italiano della nota catena di fast food, durante la presentazione nel McDonald di Piazza di Spagna, in una sorta di battesimo nel cuore di Roma, il resto del mondo non sembra esserne contento.

E piovono le critiche, persino sulla home page del Guardian, dove si può leggere: “è uno scandalo, un mostruoso atto di tradimento nazionale, il ministro Zaia non avvicinerebbe mai la sua bocca a un prodotto tanto offensivo per il palato a meno che non ci sia un fotografo nelle vicinanze” .

Mentre gli esperti del settore credono che le vendite saranno di circa 3,5 milioni di panini in sette settimane, l’amministratore delegato di McDonald’s Italia, Roberto Masi mostra grande riconoscimento al Ministro Zaia, per questa possibilità di avvicinare la produzione della nota catena di fast food al gusto degli italiani e per il grande appoggio dato dal Ministero delle Politiche agricole alla realizzazione di questo progetto, tanto da apporre il proprio logo sulla pubblicità della new entry della multinazionale.

Nella speranza che all’estero pensando all’Italia, non aggiungano ai soliti stereotipi “pizza, spaghetti e mafia” anche il McItaly, ci chiediamo: sarà un successo?
Ai buongustai l’ardua sentenza, con buona pace delle fettuccine di nonna.

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.


Warning: exec(): Cannot execute a blank command in /web/htdocs/www.eurtorrinolive.it/home/wp-content/themes/arthemia-premium/footer.php on line 1