Cinema

Viaggio nel mondo delle nuove proposte e soprattutto di chi ha reso il cinema immortale

Cultura e Libri

Cultura, libri, idee, creatività. Recensioni di libri , interviste, commenti.

Media e Social

Social network, web, tecnologie e cybertendenze per tutti gli appassionati della rete.

Nuove Tecnologie

Le nuove tecnologie cambiano la nostra vita, nello studio, negli acquisti, nel modo in cui ci rapportiamo.

Salute e Benessere

Recensioni, consigli, approfondimenti su salute e benessere: interviste, recensioni, consigli

Home » Attualità, Cultura e Libri, Società

La formula matematica del matrimonio stabile

Scritto da on domenica, 27 Ottobre 2019No Comment

Possiamo matematicamente dimostrare se un matrimonio o una relazione d’amore possa durare nel tempo, pur tra alti e bassi essere stabile? Può la matematica essere predittiva? John Gottman, professore emerito di Psicologia alla University of Washington, dedicato la vita a studiare quanto può “reggere” una coppia e a che condizioni. Durante i vari incontri con coppie più o meno stabili, ha ricavato una serie di indicatori e creato un archivio e ricavato con laiuto di matematici e informatici, la seguente formula:


S/G>5
100- N>90

La prima significa che nella vita a due, i segnali di affetto (S) cioè carezze, rispetto, sguardi di intesa, devono essere almeno cinque volte più numerosi di quelli di risentimento (G) cioè grida, commenti cattivi ecc… La seconda vuol dire che, ogni 100 commenti riguardo al partner, quelli negativi (N) devono essere meno di dieci. Se queste condizioni vengono rispettate, la coppia reggerà.

La matematica è una delle branche della scienza che regola il mondo, attraverso postulati, teoremi, algoritmi, dimostrazioni, è stato possibile dare forma e spiegazioni razionali a molti fenomeni. Senza serie, derivate, integrali, equazioni differenziali, l’uomo sarebbe ancora un uomo delle caverne, la matematica e gli algoritmi hanno permesso un’evoluzione globale incredibile. Potremmo anche dire che secondo la matematica questo è uno soltanto degli infiniti universi. E come disse un anonimo: “I matematici parlano con Dio, i fisici parlano con i matematici e gli altri parlano tra loro“. La matematica non è difficile è l’uomo che la rende difficile nel comprenderla.

Uno dei viaggi più fantastici dell’uomo e della vita è nella matematica moderna e precisamente nella Teoria del caos. La teoria del caos ci dice che il risultato di un evento dipende da diverse variabili: quelle il cui comportamento non è sempre prevedibile con totale esattezza. Vi è sempre un margine di errore, uno spazio per il caos, un battito d’ali che all’ultimo momento cambia tutto. Perché, a volte, una piccola differenza genera un effetto dalle grandi proporzioni. Vi è chi sostiene che la teoria del caos rappresenti uno dei settori  meravigliosi della matematica moderna. Che la scienza cerca di prevedere il comportamento di sistemi intrinsecamente imprevedibili.

 

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.


Warning: exec(): Cannot execute a blank command in /web/htdocs/www.eurtorrinolive.it/home/wp-content/themes/arthemia-premium/footer.php on line 1